Le reti neurali possono aiutare la statistica in situazioni ‘difficili’?