"Identità religiosa" e "spazio pubblico": spunti di riflessione in una sentenza della Corte di giustizia dell'Unione Europea